Viktar Babaryka
Adottare a distanza un prigioniero politico
  • Объединения
  • Политики
Viktar Babaryka
Отправить письмо
In prigione: 904 giorni
Compleanno 09.11.1963
Родной город: Minsk
Indirizzo per le lettere: Penal colony No. 1. 211440, Navapolack, vulica Techničnaya 8
Ho spedito + 128
  • Объединения
  • Политики
Inviare le informazioni
  • Banchiere
  • Filantropo
  • Candidato alla presidenza
  • Personaggio pubblico

Viktar Babaryka, 58 anni, è stato candidato alle presidenziali 2020.

Viktar Babaryka, a detta di molti, avrebbe vinto le elezioni presidenziali 2020 in Bielorussia, se solo gli fosse stato permesso di candidarsi. Babryka, è un banchiere affermato e brillante, da anni presidente di Belgazprombank (la banca bielorussa controllata dal gigante petrolifero russo Gazprom), divenuto famoso per aver fondato e sostenuto finanziariamente Chance, una fondazione che aiuta bambini colpiti da malattie gravi e incurabili e per aver acquistato 15’000 copie del libro della scrittrice Svetlana Aleksievich quando lei vinse il Premio Nobel, nel 2015, per poi donarle alle biblioteche pubbliche del Paese.  Il 12 maggio Babaryka ha annunciato la sua candidatura e, una settimana dopo, ha depositato 8904 firme – poco meno di quelle (11’480) presentate da Lukašėnka. Per la prima volta, la popolazione ha visto in Babaryka un candidato capace di scalzare il dittatore dal trono e la comunità degli artisti, degli imprenditori e degli intellettuali lo ha pubblicamente sostenuto: il premio Nobel Svetlana Aleksievich, il regista Andrei Kureichik, il filosofo Vladimir Matskevich (che fino ad allora era sempre stato a favore del boicottaggio delle elezioni), e due ex candidati, sconfitti da Lukašėnka nel 2010, Uladzimir Nyaklyaeu e Andrei Sannikov.   Alla fine di maggio i sondaggi su Internet davano Viktar Babaryka come vincitore con più di 50% dei voti, ma, nonostante la candidatura fosse formalmente ineccepibile, il 14 luglio il Comitato Centrale ha negato la registrazione di Babaryka alle presidenziali con la scusa della mancata dichiarazione dei beni immobili e finanziari esteri del candidato.   L’11 giugno la Polizia ha compiuto una perquisizione e ha sequestrato dei documenti presso la direzione di Belgazprombank, di cui Babariko era stato presidente del consiglio d’amministrazione fino al maggio 2020, mentre tre membri del gruppo di sostegno alla sua candidatura sono stati arrestati. Poche ore dopo la magistratura ha annunciato l’arresto di 15 manager della Belgazprombank con l’accusa di “evasione fiscale aggravata” e “riciclaggio di fondi ottenuti con mezzi criminali”.   Lo stesso Babaryka ha negato che tra il materiale sequestrato ci fosse “materiale compromettente” e ha sostenuto che il procedimento penale fosse solo una scusa.   Il 18 giugno la polizia ha arrestato Viktar Babaryka e suo figlio Eduard. Viktar è stato inviato al famigerato centro di detenzione del Comitato per la Sicurezza dello Stato (KGB). L’accusa principale è che Babariko abbia illecitamente sottratto 430 milioni di dollari dal patrimonio di Belgazprombank, e che abbia illegalmente trasferito questo denaro, nel corso di anni, in qualità di responsabile delle “attività illegali” della banca, su conti privati in Lituania.  Il 20 giugno è stato presentato l’atto d’accusa contro Viktor Babariko, il giorno dopo quello contro suo figlio, ma questi documenti non sono mai stati resi pubblici, mentre i due sono rimasti nel Centro di detenzione del KGB. Intanto, fuori dalla galera, la popolazione ha iniziato a protestare e a richiederne l’immediato rilascio. Il 6 luglio Viktar Babaryka, dopo 4 mesi di processo farsa, è stato condannato a 14 anni di carcere. La condanna più dura mai inflitta dal regime verso un oppositore politico.

(Tratto dall’articolo: “Lo strazio degli abbandonati: la Bielorussia non si arrende al tiranno” pubblicato su Gli Stati Generali del 13 dicembre 2020)

Leggi anche: https://www.ilfoglio.it/esteri/2021/07/07/news/14-anni-a-viktar-babaryka-2630182/

______________________________________________

Informazioni in inglese su “Viasna”
Sentenza del tribunale:

Condannato a 14 anni di carcere.

Con l'entrata in vigore della sentenza del tribunale, potete solo scrivere delle lettere al condannato. In ottemperanza all'articolo 85 del Codice di procedura penale i prigionieri non possono ricevere il denaro dalle persone che non sono parte del nucleo familiare, lo stesso riguarda anche i pacchi alimentari. Se volete aiutare, potete farlo solo attraverso la famiglia del condannato, verificando se questa opzione è disponibile sulla scheda della persona interessata.
Chi altro si trova presso ИК-1
Aggiungere informazioni

Lasciare un contatto

Preghiamo di lasciare il vostro contatto telegram

Come scoprire o creare l'username in Telegram

Offrire il lavoro

Preghiamo di lasciare il vostro contatto telegram

Come scoprire o creare l'username in Telegram

Aggiungere un annuncio

Si prega di lasciare il Suo contatto Telegram e la descrizione dell'annuncio. Dopo i controlli il Suo annuncio verrà pubblicato sul sito.

Come scoprire o creare l'username in Telegram

Мультизагрузка 0/0